Giustizia e solidarietà nazionale

Da anni ormai la miseria, l’ingiustizia e l’individualismo progrediscono attraverso una violenza morale e fisica sempre più offensiva e aggressiva.

Questo disumano percorso sociale ha causato un grande disagio psicologico e umano nell’arco di un decennio. Oggi in Francia ci sono quasi sette milioni di lavoratori poveri e più di un milione di senzatetto.

In questa rubrica, desidero esprimere, attraverso la mia testimonianza, le condizioni di vita dei senzatetto.

Come al solito, per raggiungere il mio posto di lavoro o semplicemente per andare a casa, devo salire o scendere dal treno alla stazione di Lyon Perrache.

Ogni giorno, alla stazione, incontro sempre più senzatetto. È rivoltante vedere una tale miseria di questi tempi, nell’epoca della rivoluzione tecnologica.

Regolarmente, quando ho un po’ di spiccioli con me, do una piccola moneta a questi poveri sfortunati. È con un piccolo sorriso e un grande cuore che mi ringraziano.

Qualche settimana fa ho incontrato uno di questi senzatetto. Gli avevo dato qualche euro. Molto commosso e per ringraziarmi, si è avvicinato e mi ha dato un bacio sulla fronte. Mi ha salutato e mi ha detto: “Non ci sono molte persone come te. Che Dio vi conservi. Ora fai parte della mia famiglia. Questa frase mostra il livello di stima e l’onestà che queste persone possono avere per le persone che le rispettano, le considerano e dedicano loro un po’ del loro tempo. Abbiamo parlato per quasi quindici minuti e mi ha spiegato la sua condizione.

Piuttosto triste e infelice, devo dire.

Da quel primo contatto umano, ogni volta che lo incontro, iniziamo a parlare. È felice di esprimersi sinceramente con me.

È una di quelle persone buone e oneste che la vita ha colpito con una sfortuna. Molti di loro hanno perso tutto da un giorno all’altro.

Mi ha confidato che all’epoca lavorava in un’azienda di movimentazione che ha chiuso per trasferirsi all’estero. Ha perso il lavoro e a quel tempo guadagnava uno stipendio di 5000 franchi.

Nonostante i suoi tentativi di trovare un lavoro, non otterrà nulla. Sarà mandato da un’agenzia all’altra. Per un po’ ha ricevuto un’indennità di 3.000 franchi al mese. In seguito, riceverà solo una miseria. Non potendo vivere decentemente e non potendo pagare l’affitto, è stato sfrattato dal suo appartamento come un rifiuto pulito.

Lì inizia la sua seconda vita. Per anni, per sopravvivere, è stato costretto a mendicare e a dormire per strada o a volte in un rifugio, quando possibile.

Mi ha confessato che a volte era costretto ad aspettare fino alle 9 di sera per sapere se poteva ottenere un letto nel rifugio. A volte, la sua attesa e la sua pazienza non porteranno a nulla. È quindi costretto a dormire sui freddi marciapiedi grigi.

Come potete vedere, a un certo punto della loro vita, lui e i suoi compagni di sventura avevano una situazione sociale e professionale che permetteva loro di vivere umanamente e con dignità.

Oggi sono le prime vittime del globalismo e della schiavitù moderna.

Sono tanto più rivoltato e costernato da questa situazione quando sento i grandi umanisti, i grandi cuori della sinistra e i bobos dei quartieri ricchi parlare contro la povertà, l’esclusione e per la solidarietà. Li vedo con i miei occhi, sono i primi ad ignorare questi francesi in difficoltà. Questi ipocriti vogliono solo, con la loro verbosità, darsi una buona coscienza morale. Questo non impedisce loro di disprezzare e insultare queste brave persone.

I patrioti ritengono che questi francesi siano cittadini responsabili e rispettabili come gli altri. Devono quindi essere ascoltati e rispettati.

Difendiamo una politica di giustizia sociale e umana nel quadro protettivo della nazione.

Siamo gli artigiani di questa azione politica che ha come unica coscienza e priorità sostenere e promuovere la rinascita dei valori sociali, solidali, umani e nazionali.

Questo percorso politico è una garanzia di unità popolare e francese.

Jean Jaurès ha affermato due affermazioni molto precise: “Per colui che non ha nulla, il paese è la sua unica proprietà” e “Il primo dei diritti dell’uomo è la libertà individuale, la libertà di proprietà, la libertà di pensiero, la libertà di lavoro”.

I patrioti non possono che approvare una tale visione umana e una tale giustezza sociale della società.

Dobbiamo essere i portavoce di tutti quei francesi che sono disprezzati e insultati da politici irresponsabili e da questa nuova classe e generazione di bobos che rappresentano una moralità scandalosa, incarnando l’arroganza antipopolare così come gli insulti e le calunnie contro la nazione.

Jacques Cheminade ha dichiarato in un discorso rivolto ai giovani del movimento Solidarietà e Progresso che “dobbiamo essere costruttori di nazioni”.

Appoggio una tale dichiarazione. In questo senso, anche noi dobbiamo essere i costruttori della nazione francese di domani. Ci ispiriamo per ristabilire la giustizia e difendere la dignità umana all’interno della nazione. Questo è il senso del nostro impegno politico e della nostra lotta per la pace e l’umanità, perché la patria ci unisce.

Santa Ingrid, patrona dei buoni ostaggi
Dalai Lama: l’avvertimento di Pechino a Sarkozy