Medevdev e Brown diventano nemici dichiarati

L’incontro tra il presidente russo e il primo ministro britannico al G8 ha fatto poco per alleviare le relazioni burrascose tra i due paesi. Reazioni nella stampa di Mosca e di Londra.

Il primo incontro tra il primo ministro britannico Gordon Brown e il presidente russo Dmitry Medvedev durante il vertice del G8 in Giappone ha portato solo a una recrudescenza della tensione. Le esecrabili relazioni tra i due paesi, afflitte da numerose controversie (l’affare Litvinenko, la questione dei visti, i problemi con il British Council, le dispute sull’energia, ecc. Così, secondo una fonte ufficiale, The Guardian di Londra nota che “per la prima volta dalla fine della guerra fredda, l’MI-5 [i servizi segreti britannici] sta rafforzando il suo ramo di controspionaggio contro gli agenti russi [del FSB, i servizi segreti russi]”.

Ancora più duro è stato il colpo inferto da un alto funzionario del MI-5, la cui identità non viene rivelata, al programma Newsnight della BBC. “Fino ad ora, nessun funzionario del governo britannico, anche a condizione di anonimato, aveva mai accusato direttamente le autorità russe di aver organizzato l’omicidio di Alexander Litvinenko [l’ex agente segreto russo che divenne un oppositore del Cremlino e fu avvelenato con il polonio nel 2006]. Per il quotidiano russo, questa è “la prima nota ripercussione sui media britannici dei negoziati tra Medvedev e Brown” che si svolgevano quasi contemporaneamente al G8.

Naturalmente, il Ministero degli Esteri britannico ha detto che i commenti della fonte anonima non rappresentano la posizione ufficiale di Londra. Ma il Foreign Office ha anche detto che stava ancora aspettando l’estradizione di Andrei Lugovoy, un ex agente segreto russo diventato uomo d’affari che è stato eletto alla Duma russa ed è un sospettato nel caso Litvinenko.

Perché la BBC agisce in questo modo quando le relazioni russo-britanniche sono al loro minimo?” chiede Vremia Novostieï.  Il giornale di Mosca indica la risposta di Mark Urban, un ex corrispondente diplomatico della BBC che conduce il programma Newsnight. “Mi sembra che ci siano alcuni nel governo britannico che credono che discutere apertamente di queste questioni con il nuovo presidente russo possa portare a frenare le azioni dell’FSB nel Regno Unito e, perché no, a risolvere il problema dell’estradizione di Lugovoy. In ogni caso, è chiaro che la discrezione della parte britannica non ha dato risultati”.

“Questo bullo russo ha bisogno di una buona lezione”, titola il Daily Telegraph nel suo editoriale. Ma da solo, il Regno Unito non può fare nulla, concede il giornale britannico di destra. “È un compito che richiede un’azione congiunta delle potenze occidentali. Potrebbero iniziare minacciando i russi di espulsione dal club elitario del G8 a meno che non accettino di correggere le loro azioni scortesi”.

Il primo ministro britannico è l’uomo adatto per una tale situazione? “Brown perde ai punti con Medvedev”, dice Simon Tisdall sul Guardian a proposito del loro primo faccia a faccia. “Se si trattasse di pugilato, l’incontro sarebbe stato considerato male assortito: Dmitry Medevdev, un giovane che porta bene i suoi 42 anni, attaccabrighe, fresco e trionfante di elezione (con l’aiuto dello Stato), contro Gordon Brown, 57 anni, veterano di cento combattimenti dimenticati, lento, non eletto, perseguitato e, secondo i media, sul punto di cadere.” Per Tisdall, la vulnerabilità di Brown nell’arena internazionale è legata alla “sua immagine negli affari interni trasmessa in tutto il mondo che è un politico sfortunato e mortalmente ferito la cui fine è vicina”.

L’Europa deve essere costruita nel rispetto delle popole
Per un’evigilanza repubblicana